Va' dove il tuo istinto ti dice di andare. Il mondo è alla portata della tua mano.

Gennaio è il mese dei nuovi inizi e dei buoni propositi. Stai già iniziando a pianificare il viaggio dei tuoi sogni? Qui troverai qualche dritta per decidere dove andare, come prepararti e cosa aspettarti mentre viaggi, riportate per te da due travel blogger internazionali, Mic e Katja, co-autori del famoso blog We just travel.

Durante il loro viaggio, durato esattamente 552 giorni, hanno visitato 10 paesi asiatici e vissuto esperienze indimenticabili. Il loro travel blog We just travel è pieno di storie incredibili della loro vita nella giungla paludosa di Mentawai, dello snorkeling nella fantastica barriera corallina nelle sperdute Isole Banda, della visita ai monumenti buddisti in Myanmar, delle stravaganze culinarie nelle Filippine e piccole delucidazioni sui maestri Zen giapponesi. Nell’autunno del 2015 sono tornati a casa. Ma non per molto. Mic e Katja si stanno infatti preparando per un nuovo avventuroso viaggio che inizierà proprio questo mese. Questa volta visiteranno Tailandia, Malesia, Singapore, Indonesia, India, Giappone, Iran

Ma prima di partire hanno deciso di condividere con noi alcuni consigli interessanti che potrebbero rivelarsi molto utili nel pianificare il viaggio dei sogni. Ah, un’altra cosa! Riceveremo aggiornamenti live da Mic e Katja durante il viaggio e li condivideremo con voi sul nostro GoOpti blog nei prossimi 6 mesi!

Organizzare le vacanze come un vero professionista

1blog_3-cf2c90c6-60e1-4770-91b1-0d05700b446b

Dove viaggiare

Chi dovremmo ascoltare quando siamo in procinto di scegliere la nostra prossima meta – la testa o il cuore? Cosa consigliereste ad una persona che vuole voltare pagina e iniziare il nuovo anno con il bel proposito di fare un viaggio?

M & K: Quando pianifichiamo un viaggio cerchiamo di essere decisi concordando su quelli che sono gli obiettivi concreti. Per molti il problema si pone sul piano economico. Questo è il motivo per cui prima di tutto cerchiamo di risparmiare per permetterci il biglietto aereo. Secondo la nostra esperienza, una volta acquistato il biglietto tutto il resto vien da sé. Tuttavia, per quanto riguarda la decisione sulla meta, noi crediamo nell’istinto, quello che ti dice che il posto al quale stai pensando è quello giusto. Vai dove il tuo istinto ti dice di andare. Il mondo è alla portata della tua mano.

Cosa dovremmo prendere in considerazione quando decidiamo dove (e come) viaggiare?

M & K: Prima di tutto, è necessario un dialogo con la Sig.ra Aspettativa. Parlatele faccia a faccia e siate brutalmente onesti. Viaggiare (ad eccezione delle vacanze trascorse dietro spessi muri di prestigiosi resort) porta con sé anche esperienze poco piacevoli. La visita alla spiaggia dei tuoi sogni significa a volte viaggiare per 30 lunghissssssssime ore su un vecchio bus, e la zuppa postata dal tuo blogger preferito, così invitante dalle foto di Facebook, potrebbe portarti ad un incontro ravvicinato con il bagno, il mattino successivo. E sperando ci sia un bagno nelle vicinanze!

Come prepararsi

Come dovremmo prepararci per il viaggio? In cosa consiste “l’essenziale” a cui dovremmo pensare e quanto tempo prima ci si deve iniziare a preparare?

M & K: Per noi la preparazione al viaggio è bella come il viaggio stesso. Qualche volta anche di più! C’è qualcosa di meglio del fantasticare su tutti i paesi, città e villaggi che potrai visitare? È come essere la banca al Monopoli e decidere cosa vorresti provare, assaggiare, vivere…

In ogni caso, una buona preparazione non dovrebbe mai essere sottovalutata poiché può salvarti da complicazioni burocratiche, economiche e mediche, che davvero potrebbero rovinare ogni cosa. Inoltre, un po’ di buon senso può sempre servire. Duplicare le carte di credito, stampare le carte d’imbarco, farsi le vaccinazioni appropriate… non è mai troppo tardi per prepararsi su queste cose.

“Resfeber” o febbre da viaggio prima di partire… Vi è capitato? Come la gestite?

M: La nostra ultima vacanza è stato un mese a Zanzibar. Nonostante fossimo stati precedentemente in viaggio per un anno e mezzo, due giorni prima di partire ho avuto la diarrea. Ma ero tranquillo perché sapevo che non c’era nulla che non andasse con il mio corpo, semplicemente era una reazione all’adrenalina di iniziare qualcosa di nuovo. Questa sana paura dell’ignoto è una delle parti più belle di ogni viaggio. Per questo motivo non combattiamo la febbre da viaggio, ma l’abbracciamo completamente.

Cosa aspettarsi

Quali sono le lezioni più importanti che avete imparato viaggiando? Potete dire che viaggiare cambia il modo in cui guardiamo alla vita?

M: Non voglio farla sembrare una cosa esoterica ma per me viaggiare è la migliore lezione di vita. Il tuo corpo e la tua mente sono costantemente in una situazione diversa dalla routine. Il meglio che puoi trarre dal viaggio non è l’esperienza della lievitazione durante una meditazione o l’unione completa della tua personalità con il tuo super-ego. La cosa migliore quando si viaggia è scoprire chi sei davvero. Come reagisci all’inaspettato, ai nuovi contesti. A volte non sei contento della tua reazione ma la prossima volta saprai rispondere meglio alla situazione.

Possiamo dire che siamo persone diverse quando viaggiamo e quando siamo a casa?

M: Sì. O meglio, lo posso dire per me stesso. La mia vita di tutti i giorni va a braccetto con il disturbo ossessivo compulsivo. Per esempio, a casa lavo le mani almeno 50 volte al giorno e sento costantemente la necessità di dover andare al bagno. E una volta in bagno, mi metto a contare. Potrebbe sembrare divertente ma in realtà è molto frustrante. Quando viaggio tutti questi disturbi scompaiono miracolosamente.

Nei vostri rispettivi viaggi utilizzate diversi mezzi di trasporto; bus, treni, taxi... Dove avete viaggiato più comodamente e dove, invece, avete »pregato per la vostra vita«?

M & K: Niente batte il noleggio di uno scooter per girare qualche isola paradisiaca. Questo è il nostro mezzo di trasporto preferito, che ci permette di immergerci nell’inesplorato. Dobbiamo anche menzionare i treni indiani e i grandi aerei. Personalmente amo di più questi ultimi, nonostante soffra di vertigini. Questa preferenza probabilmente deriva dal personale di volo estremamente amichevole che invece di uno serve ben due bicchieri di whiskey!

Mentre pregare diventa tutto tranne che superfluo di notte, sui risciò indiani, a velocità, diciamo, sostenuta...

E per finire ...

Il mezzo di trasporto più strano
M & K: Scooter praticamente da rottamare, a Kathmandu (Nepal).

La seccatura più fastidiosa, accaduta in viaggio
M & K: Poco prima di raggiungere il paradisiaco arcipelago indonesiano, verso il quale abbiamo viaggiato per 5 giorni, ci hanno derubato di tutta l’attrezzatura fotografica.

Miglior cibo assaggiato
M & K: Dentice atlantico grigliato, avvolto nelle foglie di banana, nelle isole Andaman (India).

Le persone più felici
M & K: Nei piccoli villaggi in Nepal.

La più grande rivelazione
M & K: Realizzare che tutto ciò di cui abbiamo bisogno per vivere è soltanto un millesimo di tutte le cose di cui siamo convinti non potremmo fare a meno quando siamo a casa.

Condividi l'articolo. Sharing is caring!
Newsletter